Le mance in India

Le regole d’etichetta riguardo le mance in India lasciano il tempo che trovano. La confusione a tal proposito arriva da due fattori: il passato coloniale e le influenze culturali portate dal turismo e il commercio. Le mance in India, generalmente denominate baksheesh, sono per lo più opzionali. Lasciare mance alla guida del tour, al cameriere o all’autista dipende dal nostro istinto e spesso dal nostro essere italiani. In Italia la mancia non è una consuetudine, poiché il servizio è già compreso nel prezzo. 

In India la questione è un po’ più complicata poiché non segue rigide linee guida. Durante il viaggio in questa terra, ti abituerai a capire strada facendo in quale circostanze valga la pena lasciare un po’ dei tuoi soldini.

[toc]

In generale, le mance in India si aggirano sempre intorno al 10%. Come sempre, i numeri esatti sono discutibili e dipendono dalla qualità del servizio. Ricordati che darai la mancia nella valuta locale, la rupia indiana, quindi familiarizza con il tasso di conversione in vigore prima del viaggio o scarica una delle miriade di app che trovi nel tuo phone store.

Essendo un viaggio movimentato io ho trovato molto utile munirmi di un piccolo portamonete che mettevo nel marsupio così da averlo sempre a portata di mano. Sii discreto nel porgere la mancia a chi ti ha prestato un servizio. L’educazione e l’umiltà sono valori molto sentiti in India. Ma, soprattutto, eviterai di attirare ulteriori richieste di accattonaggio. 

A chi va la baksheesh?

Baksheesh a volte si riferisce alla semplice mancia, ma le connotazioni differiscono in base al contesto. Pensa a dare la tua baksheesh come ad un atto di apprezzamento per un buon servizio ottenuto.

Lo dico poiché, durante il viaggio in India, ti verrà chiesto spesso di elargire mance. Ti capiterà ovunque, nei negozi, nei templi, per le strade e nei mercati.  Sappi che non è un atto dovuto e sentiti libero/a di rifiutare in qualsiasi momento. Coloro che per strada ti chiedono baksheesh senza offrire una prestazione stanno semplicemente chiedendo l’elemosina.

In India ci sono schiere di bambini, anziani e disabili reclutati apposta da note gang per fare questo lavoro. Tanto che il problema viene ripetutamente discusso nel Sansad, il parlamento. Perciò, viaggiatore/trice responsabile, cerca di non incentivare la redditività di questa associazione a delinquere!

Le mance in India
1. Hotel

In qualsiasi hotel in India, darai la mancia a coloro che ti forniranno un servizio specifico. Alcune grandi catene alberghiere potrebbero avere politiche avverse alla mancia, quindi assicurati di chiedere alla reception qual è la loro politica di mance al momento del check-in.

India le mance
  • Per il portiere dell’hotel che ti aiuta nel trasporto del tuo bagaglio in camera, la mancia dovrebbe aggirarsi attorno alle 40 rupie (0,50 €) a bagaglio. Se non vuoi lasciare nulla, reclina gentilmente l’offerta.
  • La mancia per le pulizie è facoltativa, ma se lo desideri 20-30 rupie al giorno andranno più che bene.
  • Alcune reception di hotel potrebbero avere una cassetta delle mance, di solito si trova al lato del desk, qui puoi contribuire al servizio di tutto lo staff con un’unica “grande“ mancia. Un contributo standard per la cassetta delle mance è di 100 rupie (1,26 €) per ogni notte che hai soggiornato in hotel.
  • Quanto al room service, se guarderai bene la ricevuta di consegna, vedrai tu stesso/a che il prezzo del servizio è già stato caricato nella spesa totale. 
2. Ristoranti e Bar

Prima di decidere quanto lasciare di mancia in un ristorante in India, controlla il conto. Se il ristorante ha già aggiunto una percentuale dedicata al servizio, puoi evitare la mancia. Tieni presente, però, che a volte questa misera percentuale rappresenta il vero e proprio salario del cameriere a cui la maggior parte delle volte non viene accreditata nessuna parte mensile fissa. Se il servizio è stato esemplare, considera di lasciare una mancia dal 5% al ​​10%.

le mance in India
3. Trasporti

Se lautista del taxi ti ha portato dove volevi in modo sicuro (il che sarà un optional) e veloce, potresti dare la mancia arrotondando per eccesso la tariffa, ma solo se lo desideri. Gli autisti delle navette aeroportuali dell’hotel dovrebbero ricevere una mancia di 50 rupie (0,63 €) per un servizio tempestivo.

In un aeroporto o stazione ferroviaria, i facchini potrebbero offrirti di aiutarti con i bagagli. Rifiuta gentilmente se non vuoi dar loro la mancia.

I conducenti di rickshaw meritano, a mio avviso, un trattamento del tutto differente. Premetto che non ho mai avuto il coraggio di prendere tale mezzo. Infatti, ci sono due tipi di rickshaw: quelli muniti di bicicletta come vedi nella foto qui sotto, oppure quelli con conducente camminante. Gli ultimi sono più sviluppati nelle città del Sud dell’India. Su questo mezzo, dunque, è richiesto che qualcuno ci scarrozzi da una parte all’altra utilizzando la propria forza fisica. A me mette tristezza.

Tuttavia, il mio ragionamento non è del tutto corretto. Considera che i conducenti di rickshaw vivono solo di questo. Perciò se decidi di usare tale mezzo, dai valore allo sforzo e alla fatica di queste persone e sii generoso/a. 

le mance in india
4. Massaggi e trattamenti

Se visiti una spa o decidi di concederti un trattamento ayurvedico in India, non è necessario o previsto lasciare una mancia. Se sei davvero soddisfatto/a del servizio, puoi lasciarla come piccolo segno di apprezzamento. Tuttavia, dipende dal centro. Gli indiani non peccano di vergogna se ritengono che a loro spetti una mancia per il servizio prestato. Devi essere molto intuitivo/a per capire come comportarti.

5. Tour

Dare le mance in India alle guide e agli autisti dopo i tour è consuetudine, soprattutto se fanno un buon lavoro. Le guide e gli autisti personali spesso si rivelano dei pozzi di saggezza e conoscenza e, credimi, la maggior parte di essi farà di tutto per non farti mancare nulla durante la tua permanenza in loro compagnia. In questo caso la mancia va dalle 100 alle 300 rupie (4€) al giorno, a seconda della qualità del servizio. Considerate che con loro si trascorrono moltissime ore.

La mia esperienza a tal proposito è stata fantastica. Io mi sono affidata ad un tour operator locale, a gestione famigliare, che si chiama Happylifetouranddrive. Loro sono davvero carini. Il driver, un papà di famiglia apparentemente burbero ma buono come il pane, ti porta ovunque. E’ in grado di dare qualsiasi tipo di informazione e supporto pratico, il tutto in un Inglese comprensibile. La figlia, Prya, di una dolcezza incredibile, è una ragazza molto istruita e ti mette a disposizione il suo hotspot durante i lunghi viaggi in macchina.

Ti potrebbe interessare anche: India Itinerario 15 o 20 giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *