Imprevisti in viaggio

Gli imprevisti in viaggio sono intrinsecamente in agguato dietro l’angolo. Il volo cancellato, il passaporto perduto, il mare in tempesta, la pioggia incessante o la lite con il  partner di viaggio. Questi sono solo pochi esempi degli imprevisti in viaggio. Tuttavia, consolati, la maggior parte delle volte non accadono!
 

Non illuderti che la pianificazione dettagliata del tuo itinerario di viaggio fatta dal famoso tour operator possa evitare un imprevisto in viaggio. Neanche la maniacale attenzione ai dettagli che hai adoperato nella stesura sfiancante del tuo programma fai-da-te, potrebbe rivelarsi la giusta soluzione. Trascorrere una settimana in un resort a 5 stelle alle Seychelles?  Non potrà salvarti neanche questo.

Nulla può essere adoperato come scudo perfetto contro il nemico per eccellenza del turista: l’imprevisto. Come dice simpaticamente qualcuno di cui non conosco il nome: “l’unica cosa che va secondo i piani è solo l’ascensore”.

Ebbene sì, l’imprevisto fa parte della vita stessa e saperlo gestire e farne tesoro, soprattutto nei nostri viaggi, è il regalo più bello che possiamo farci. Sarò sincera e prima di scrivere ciò che sto per scrivere farò qualche gestaccio segreto per scaramanzia.

Devo ammettere che nei miei numerosi viaggi di lavoro o divertimento sono stati relativamente pochi gli imprevisti che mi hanno vista costretta a stravolgere letteralmente i miei piani.

il mio Imprevisto in viaggio

Non so se ritenermi fortunata a tal riguardo. Potrei attribuire tale fortuna alla mia eccessiva attitudine a pianificare “tutto”.

Alternativamente potrei esserne dispiaciuta, in quanto un imprevisto in viaggio avrebbe potuto rivelarsi come la chance in più per esplorare luoghi e situazioni fuori dalla portata della mia comfort zone.

L’aneddoto che ti racconto vuole essere l’esempio di come un avvenimento inatteso possa diventare una possibilità per imbattersi in qualcosa di nuovo. Voglio raccontarti di come la capacità di volgere lo sguardo altrove in momenti spiacevoli e imprevedibili possa trasformarsi in una valida alternativa a ciò che si era pianificato.

imprevisti in viaggio

Ero in Vietnam, questa volta in buona e dolce compagnia. Io e il mio compagno eravamo su di giri perché da lì a qualche minuto avremmo preso un treno storico notturno.  Ci avrebbe portato a Lao Cai, al confine con la Cina. Da lì ci saremmo diretti verso Sapa per due giorni di trekking tra le panoramiche risaie e gli autentici villaggi delle minoranze etniche.

I biglietti erano stati prenotati adeguatamente in anticipo. La guesthouse era pronta ad accoglierci e la guida per il trekking ci aspettava a destinazione. Unico inconveniente all’arrivo: tempo metereologico disastroso. Assolutamente sconsigliato per le camminate tra le risaie terrazzate e i paesaggi super instagrammabili.

Non ci siamo fatti intimorire e abbiamo tentato ugualmente la nostra avventura. Ma dire che il terreno fosse impraticabile sarebbe riduttivo. Il cielo tempestava, eravamo ricoperti di fango dalla testa ai piedi, saremmo caduti e inciampati si e no dieci volte per ciascuno.

Ad un certo punto la nostra simpatica guida si arrende e decide di parcheggiarci presso la guesthouse che avevamo prenotato. Ecco allora, il momento di sconforto. Avevamo ancora un giorno e mezzo a disposizione. Cosa fare in quel luogo sperduto, senza connessione wifi? Come scappare senza un mezzo di trasporto a nostra disposizione in condizioni climatiche da Gothic Novel?

imprevisti in viaggio

Dopo una breve litigata con il mio compagno di viaggio (gli imprevisti fanno perdere il senno a volte) succede l’inatteso. Decidiamo di non demordere e diamo una svolta a quella situazione statica e spiacevole che si era venuta a creare.

Ci rechiamo dalla proprietaria della guesthouse e ci facciamo trasportare completamente dalla quotidianità della sua vita e di quella dei numerosi componenti della sua famiglia. Da qui in poi il nostro viaggio si trasforma in uno studio antropologico su una civiltà lontana anni luce dalla nostra per cultura e tradizioni.

Al mio fidanzato viene affidata la cura di un neonato, a me la raccolta nel campo di tutte le verdure che sarebbero servite per preparare la cena. Diventiamo in un secondo baby-sitter, contadini, cuochi e inservienti. Tutto diventa più bello, divertente, emozionante.

gli imprevisti in viaggio
gli imprevisti in viaggio

La famiglia, composta da quattro figli, genitori e nonni, diventa la nostra ancora di salvezza. Interagire con loro si trasforma nella parte bella che viene fuori dagli imprevisti, la ciliegina sulla torta.

Mentre fuori le nuvole scatenano la loro ira, in una casetta dimessa, umile e priva di ogni comfort noi siamo felici. Parliamo con tutti, raccontiamo storie, ascoltiamo aneddoti, cuciniamo, giochiamo. Entriamo perfettamente in sintonia con un mondo che non avremmo mai conosciuto se la pioggia incessante non avesse rovinato i nostri piani.

Quando qualcosa non va così come l’abbiamo pianificata, impariamo a prenderla come un segno del destino. Forse qualcuno ti sta lanciando una sfida, forse c’è qualcosa che devi assolutamente vedere, forse c’è una persona ad attenderti che ti sorprenderà. Forse devi semplicemente imparare una lezione.

Prenditi i tuoi 15 minuti di sconforto e disperazione, assolutamente meritati. Poi alza lo sguardo, guardati intorno, fatti trascinare da ciò che scorgi. Tutto accade perché deve accadere. Tutto ciò che non si conosce diventerà la tuo storia da raccontare, quella per cui diventerai famoso/a nella tua famiglia e tra i tuoi amici.

Stay open!

imprevisti in viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *