Cos’è l’ ecoturismo e come diventare un buon ecoturista

 

 

L’ ecoturismo è una forma di turismo sostenibile che si concentra sulla conservazione della natura e della cultura locale di una destinazione turistica. La sua tipicità consiste nel promuovere la protezione dell’ambiente naturale, degli ecosistemi e la sostenibilità del pianeta. L’ecoturismo offre ai viaggiatori l’opportunità di esplorare la natura, di conoscere le comunità locali e di apprezzare la bellezza del mondo in cui viviamo. Inoltre, esso può contribuire al sostentamento delle comunità locali, fornendo un’opportunità economica per le attività turistiche a basso impatto ambientale. In definitiva, l’ecoturismo offre un’opportunità per viaggiare in modo sostenibile e responsabile, preservando l’ambiente naturale e la cultura locale.

Le attività tipiche dell’ ecoturismo includono escursioni a piedi, passeggiate in bicicletta, birdwatching, osservazione della fauna selvatica, visite a parchi naturali e riserve, attività di agriturismo e visite a comunità locali per conoscere la cultura e lo stile di vita del luogo. 

ecoturismo

Per conoscere una cultura da vicino in viaggio, si consiglia di immergersi completamente nella vita quotidiana dei locali. Ciò significa partecipare ad attività come mercati locali, festival, eventi culturali, e visitare luoghi di interesse storico e artistico. Inoltre, è importante parlare con le persone locali, provare la cucina tradizionale e imparare alcune parole nella loro lingua. Questo aiuterà molto a capire meglio la cultura delle popolazioni ospitanti e ad apprezzarla di più.

Una delle scelte per cui si potrebbe optare in un viaggio da eco-turista modello potrebbe essere quella di dormire nelle Guest House. Lo scopo delle guest house è quello di offrire un alloggio confortevole e accessibile ai viaggiatori. Spesso le guest house sono gestite da famiglie locali e offrono la possibilità di sperimentare la cultura del luogo in cui si soggiorna. Inoltre, le guest house possono essere una scelta economica rispetto ad altri tipi di alloggio come gli hotel.

Cosa fare per diventare un buon ecoturista?

Ecco alcuni consigli per diventare un buon eco turista:

  • Scegliere strutture ricettive eco-sostenibili o che si impegnano in pratiche sostenibili.
  • Rispettare l’ambiente e la cultura locale, evitando di danneggiare la natura e di disturbare gli animali selvatici.
  • Limitare l’uso di risorse come l’acqua e l’elettricità, spegnendo le luci e chiudendo i rubinetti quando non sono necessari.
  • Utilizzare i mezzi di trasporto pubblici o biciclette per spostarsi, evitando l’uso di veicoli a motore o aerei quando possibile.
  • Acquistare prodotti locali e sostenibili, riducendo l’impatto ambientale del trasporto di merci.
  • Raccogliere il proprio imballaggio e i propri rifiuti, smaltendoli in modo responsabile.

Le strutture eco-sostenibili sono edifici progettati e costruiti in modo da minimizzare l’impatto ambientale e massimizzare l’efficienza energetica. Queste strutture possono utilizzare fonti di energia rinnovabile come il sole, il vento e l’acqua per generare energia elettrica, e possono anche utilizzare materiali di bio edilizia e tecniche di costruzione ecologiche. L’obiettivo delle strutture eco-sostenibili è quello di ridurre al minimo l’impatto ambientale e migliorare la qualità della vita delle persone che le abitano o le utilizzano.

ecoturismo

Come rispettare la cultura locale in viaggio

Ecco alcuni consigli per rispettare la cultura locale durante i viaggi:

  • Informarsi sugli usi e costumi del paese che si visita prima di partire, ad esempio sui  le norme di comportamento e alàni importanti dettami religiosi.
  • Rispettare le tradizioni locali, come ad esempio le abitudini alimentari. 
  • Evitare di giudicare o criticare la cultura locale, ma piuttosto cercare di capirla e apprezzarla.
  • Essere rispettosi nei confronti dei locali, ad esempio utilizzando parole di cortesia e cercando di imparare alcuni termini della lingua locale.
  • Evitare di comportarsi in modo offensivo o provocatorio, ad esempio indossando abiti inappropriati o comportandosi in modo sconsiderato.
  • Rispettare l’ambiente naturale e culturale, ad esempio evitando di gettare rifiuti in strada o danneggiare i monumenti.

L’impatto dell’eco turismo sulle culture locali può essere positivo o negativo, a seconda di come viene gestito. Quando viene fatto in modo responsabile e sostenibile, l’eco turismo può aiutare a preservare le culture locali e a creare opportunità economiche per esse. Tuttavia, se non viene gestito correttamente, l’eco turismo può provocare problemi come la gentrificazione, la commercializzazione e la perdita di tradizioni culturali. E’ importante che l’ ecoturismo sia sempre praticato con rispetto e sensibilità. 

L’ ecoturismo potrebbe portare alla gentrificazione poiché l’aumento del turismo in determinate aree tende a far aumentare notevolmente i prezzi delle proprietà immobiliari e dei servizi, spingendo le comunità locali a basso reddito ad emigrare. Inoltre, l’arrivo massiccio di turisti in una determinata zona di solito crea il sorgere di infrastrutture turistiche che non sono utili per i residenti locali, ma solo per i visitatori. Tutto questo porta inevitabilmente alla trasformazione della zona in una destinazione turistica di lusso.

rispettare la cultura locale

Iniziative di ecoturismo in Asia

In Nepal, ci sono diverse iniziative di ecoturismo che promuovono il turismo sostenibile e la conservazione dell’ambiente. Alcune delle attività ecoturistiche popolari includono il trekking, l’osservazione della fauna selvatica, la visita a riserve naturali e la partecipazione a progetti di agricoltura sostenibile. Inoltre, molte comunità offrono esperienze culturali autentiche ai visitatori, come la partecipazione a festival tradizionali o la visita a villaggi rurali.

In Thailandia ci sono diverse iniziative di ecoturismo che promuovono la conservazione della natura e delle comunità locali. Alcune di queste includono visite a parchi nazionali, escursioni in montagna, immersioni subacquee responsabili e tour in bicicletta. Inoltre, molti operatori turistici stanno adottando pratiche sostenibili per ridurre l’impatto ambientale del turismo.

Il Parco Nazionale Doi Inthanon in Thailandia offre, per esempio, molte opportunità per l’ecoturismo. Si può fare trekking lungo i sentieri, bird watching, visitare le cascate, osservare la flora e la fauna locale e molto altro ancora. Inoltre, ci sono anche attività culturali come la visita ai villaggi delle tribù delle colline.

In Indonesia, ci sono diverse iniziative di ecoturismo che promuovono pratiche di turismo sostenibile. Alcuni esempi includono il Green Canyon a West Java, il Parco Nazionale di Komodo a East Nusa Tenggara e le isole Mentawai a West Sumatra. Queste iniziative si concentrano sulla conservazione degli ambienti naturali, sul sostegno alle comunità locali e sull’educazione dei visitatori al turismo sostenibile.

Il Borneo indonesiano rappresenta una vera avanguardia nel campo dell’ ecoturismo. Le agenzie turistiche locali si sono impegnate a fondo per offrire ai propri clienti molte opportunità di turismo alternativo. Alcuni esempi di attività promosse da questi enti sono: il trekking nella giungla, l’osservazione degli oranghi, la visita ai villaggi tradizionali e l’esplorazione delle grotte. Ci sono anche possibilità di rafting, immersioni subacquee e visita ai parchi nazionali.

ecoturismo in Indonesia

Sfruttamento degli animali e comunità locali nel turismo

Lo sfruttamento degli animali nel turismo può avere effetti negativi sul benessere degli animali coinvolti. Questo include attività come passeggiate a dorso di elefanti, spettacoli di animali in cattività e interazioni con animali selvatici. È importante fare scelte consapevoli quando si viaggia e scegliere attività che rispettino il benessere degli animali.

Ci sono diverse attività eco sostenibili che puoi fare in Thailandia con gli elefanti, come ad esempio visitare santuari che si occupano del loro benessere e della loro protezione. Evita invece di partecipare a tour che prevedono il loro sfruttamento o maltrattamento. Ricorda che gli elefanti sono animali selvatici e non dovrebbero essere usati per intrattenimento umano.

Lo sfruttamento delle minoranze etniche nel turismo è un problema diffuso in molte destinazioni turistiche. Spesso vengono commercializzati stereotipi e tradizioni culturali a scopo di lucro, senza tenere in considerazione il rispetto e la tutela delle comunità locali. Ciò può portare a situazioni di sfruttamento e discriminazione nei confronti delle minoranze etniche, che vengono considerate come una semplice attrazione turistica. 

Come evitare che le comunità locali vengano sfruttate nel turismo? Ci sono alcune azioni che potrebbero essere utili per evitare lo sfruttamento delle comunità locali nel turismo, tra cui:

  • Assicurarsi che i visitatori rispettino la cultura e le tradizioni locali, ad esempio attraverso la promozione di attività culturali e di educazione.
  • Coinvolgere le comunità locali nella pianificazione e nello sviluppo del turismo, in modo da garantire che ne traggano benefici a lungo termine.
  • Promuovere il turismo sostenibile, che tenga conto delle esigenze ambientali, sociali ed economiche delle comunità locali.
  • Limitare il numero di visitatori, in modo da evitare un impatto eccessivo sull’ambiente e sulle risorse locali.
ecoturismo attività

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *